Colonnine elettriche: una carta d’identità

Ricarica auto elettrica

Pubblicato il: 18/07/2017

Semplice come attaccare un cellulare al caricabatteria: auto, moto o bicicletta, qualsiasi sia il veicolo elettrico, per fare il pieno di energia ciascuno ha bisogno della sua colonnina elettrica, pubblica o in casa. Nonostante la diffusione dei punti di ricarica in Italia sia crescente (e in Europa questa crescita sia ancora più accentuata, in particolare nei Paesi Bassi), l’ancora limitato numero di sistemi di rifornimento è uno dei deterrenti per i quali il consumatore italiano non procede tanto facilmente con l’acquisto di un mezzo elettrico. Esergetica in questo senso si è già posta in prima linea, progettando di installare entro l’estate le sue prime 4 colonnine tra le province di Venezia e Padova.

Ma capiamo meglio di cosa si tratta:

COSA SONO

Le colonnine sono dei dispositivi necessari alla ricarica dei veicoli elettrici. Quelle proposte da Esergetica sono strutture poco ingombranti, snelle, molto resistenti, caratterizzate da un design avanguardistico ma discreto. La loro distribuzione si avvale di una detrazione fiscale del 50% per l’anno 2017, convenienza che si moltiplica, se applicata a un’abitazione, o a un’azienda, rifornita da un impianto fotovoltaico. Nel mercato se ne possono acquistare di due tipi: la colonnina da garage per l’uso domestico, e quella da esterno.

USO DOMESTICO

La soluzione domestica monta un sistema che ricarica un’automobile per volta in circa 3 ore: la tempistica precisa varia a seconda della grandezza della batteria dell’auto, della sua potenza di ricarica e della potenza della colonnina utilizzata. Con questo sistema è possibile ricaricare l’auto tramite un connettore (di Tipo 1 o Tipo 2) con cavo lungo 6 metri, proprio come se si trattasse di mettere in carica un cellulare.

USO PUBBLICO

La seconda colonnina offre la possibilità di caricare due auto contemporaneamente, proprio come se si andasse a fare un semplice rifornimento di carburante presso una stazione di servizio. L’impianto proposto da Esergetica è fatto in acciaio inox ad alta resistenza meccanica, progettato per resistere all’ambiente esterno e a eventuali atti vandalici. Il servizio di pagamento supporta la carta di credito e la registrazione tramite App, ormai largamente diffuse tra gli automobilisti.

COSTI

Parlando di costi, come per l’investimento dedicato a un impianto fotovoltaico, il prezzo per la colonnina e per la ricarica sta diventando sempre più accessibile a gran parte della cittadinanza. A fugare ogni titubanza arriva la detrazione fiscale 2017 del 50%, un risparmio che va poi aggiunto a quello di un eventuale impianto fotovoltaico a cui la colonnina può appoggiarsi, riducendo a zero il costo della fornitura di energia.